Contattaci: 0308920209 0308921759

Via San Filippo Neri, 164 – 25066 Lumezzane (BS) Visualizza dove siamo

Rimedi naturali per le patologie invernali

L’arrivo dell’influenza e dei virus da raffreddamento para-influenzali crea grandi allarmismi tra la popolazione, che attende la distribuzione del vaccino.

E’ possibile scegliere l’omeopatia e le terapie fitoterapiche nella prevenzione e nella cura dell’influenza e delle malattie da raffreddamento in generale?

L’influenza e le malattie da raffreddamento rappresentano un’ottima occasione per far convivere la medicina “tradizionale” e la medicina “naturale”.
Per prevenire l’influenza, si può ricorrere sia al vaccino che ad immunostimolanti omeopatico-fitoterapici.
Infatti possiamo utilizzare i rimedi naturali come un potente alleato per la cura dei sintomi influenzali, ma dobbiamo scegliere l’antibiotico, se una sindrome influenzale sfoci in polmonite.
In definitiva, prima di tutto bisogna conoscere la tipologia di influenza e poi la modalità di curarla.

Vi sono altre soluzioni per la profilassi anti influenzale?

Possiamo chiedere aiuto all’omeopatia, infatti vi è un’efficace risposta nella prevenzione
anti influenzale in un medicinale omeopatico a base di selezionati componenti immunostimolanti che inducono una risposta immunitaria detta “cellulo-mediata”,cioè particolari cellule del nostro sistema immunitario hanno una straordinaria capacità di annientare il virus influenzale senza attaccarlo direttamente, ma annientando la cellula infetta dal virus e, quindi, privando quest’ultimo dell’ambiente ideale per la sua replicazione e moltiplicazione.
La via di somministrazione e la posologia sono molto semplici:
per la prevenzione si scioglie sotto la lingua il contenuto di un tubo dose 1 volta alla settimana per sei settimane, per la fase acuta si scioglie un tubo dose ogni sei ore per un massimo di 3 volte al giorno fino al miglioramento della sintomatologia.

E’ importante seguire anche misure igieniche adeguata:

-lavarsi spesso le mani ed accuratamente con acqua e sapone;
-ripararsi la bocca e il naso quando si tossisce e starnutisce;
-evitare di toccare occhi, naso e bocca, facili vie di entrata del virus;
-evitare i luoghi affollati.

Dato che le principali vie d’ingresso dei virus che colpiscono l’apparato respiratorio, sono il naso e la bocca, un ulteriore contributo alla profilassi viene fornito dall’effetto barriera generato da uno spray nasale a base di Euphorbium resinifera, Hepar sulfuris ed altri, in grado di favorire la produzione di Interferone-gamma a livello della mucosa nasale; spruzzato quotidianamente nelle narici, per tutto il periodo autunno-inverno, stimola il sistema immunitario associato alle mucose.
Lo spray è ideale per i bambini (che vivendo in comunità scolastica sono sottoposti al passaggio continuo di germi da parte dei compagni) e per chiunque viva in luoghi chiusi o che per diversi motivi debba stare a stretto contatto con altre persone (metropolitana,bus,treni).

Qual è il periodo migliore per iniziare la profilassi invernale?

Il prima possibile. L’ideale e’ iniziare nelle prime settimane di settembre, infatti sin dall’assunzione delle prime dosi dei medicinali omeopatici e’possibile osservare un consistente aumento della risposta immunitaria, aggiungendo probiotici e nutraceutici a base di colostro per ripristinare la funzionalità intestinale.
Chiedete informazioni al vostro farmacista. Saprà indicarvi il rimedio migliore per un inverno in salute.


0308920209 0308921759